Maga Magò sbaglia magia e diventa Maga Maghira

Abracadabra e.. la Maga Magò sbaglia a fare la magia e si trasforma in Maga Maghira!
però dai i miei capelli ora sono diventati decenti ammettetelo😄
ecco che oggi è il primo pomeriggio dopo un’eternità in cui posso dire oh non ho nulla per domani.. posso fare icche voglio (mo la Sonia penserà Marta oddio ma come parli ti avevo detto di non tornare che parlavi tutta in romano ma questo toscano da dove l’hai tirato fuori ahah)
prima di cercare e mettere la poesia che abbiamo fatto in classe come ho detto all’Ali a patto che lei me la commenta (se no mi sa che prendono tutti per pazza almeno così siamo in due)
questi giorni penso abbiano messo a dura prova un pò tutti noi, ci abbiano fatto riflettere e ci tengo a dire una cosa : Gigia ti voglio bene!
e ora scrivo quello che mi passa per la testa.. mm.. niente.. no non è possibile che alla Marta non passi nulla per la testa qualche cazzata qualche pensiero che magari non c’entra nulla c’è sempre
prima cosa.. già sono un pò troppo disordinata e mi viene da ridere ogni volta che devo cercare una cosa e non la trovo e ogni volta che tiro fuori il raccoglitore dallo zaino mi viene in mente la frase della Songi : Marta prima che tiri fuori il tuo raccoglitore arrivano tutti i tuo fogli che spuntano da tutte le parti o che sono in terra sotto la mia sedia.. beh ormai non posso far altro che darla vinta allo Teto e confessare che sono la disordinata per eccellenza
purtroppo questo casino che mi circonda in questo ultimo periodo ed è soprattutto nella mia testa.. direi che ora ci starebbe benissimo la frase chissa cosa pagherei per vedere dentro a quella testa cos’hai ma visto che è stata la frase della discordia dell’anno scorso ora la Songi mi proibisce di scriverla
una cosa positiva.. l’altra maga che ora devo trovarle un soprannome.. mi ha fatto passare un bellissimo sabato sera e le nostre chiacchierate mi hanno proprio illuminata e lo dico veramente seria! ho capito un pò di cose ma ora bisogna applicarle.. ma il motivo per cui alcune volte sono così invece songi e che quando vedo certe situazioni mi viene una rabbia assurda e se cerco di capire impazzisco ancora di più quindi forse bisognerebbe fare come dice quello che poi metto alla fine dell’intervento se qualcosa ti fa soffrire lasciala andare e cerca qualcos’altro.. beh io non ce la farò mai a fare così perchè alla fine capirei che tutto non avrebbe più il senso che aveva prima
ora quello che mi manca veraemnte sono le chiacchierate alle 3 di notte con il mio Teto, poterlo tirare scemo e farlo anche ridere .. certo qui non mi mancano le perosne da tirare sceme quando parlo veloce giusto per non fare nomi..la Songi, l’Ali , la Pidocchia e la Scimmietta però con il mio cuginotto è un pò diverso mi piace quando io gli dico ma voi ragazzi siete tutti stronzi e lui ma non è vero Mirta!
però fossero solo problemi di cuore tutto si risolverebbe e invece no che non è così semplice ci sono altre cose a cui do più importanza e in questo momento sono le amicizie.. che ora sinceramente non riconosco più, che non capisco o che forse ho provato troppe volte a capirle ma non ci sono riuscita… e dico la verità ora mi verrebbe voglia di lasciare tutto andare, di gettare la spugna e far in modo che le cose vadano come devono andare senza cercare di ottenere quello che voglio.. ma dall’altro lato so che sarebbe sbagliato .. perchè se vuoi qualcosa non devi lasciare che altri si intromettano e impediscono che si realizzi beh ma alcune votle mi viene proprio da dire un bel fanculo e basta, ma so che facendo così deluderò anche le persone che mi sono affianco che più volte mi dicono che vogliono vedere la Marta che ottiene e cerca di ottenere quello che voglio
cambiando discorso che non centra proprio nulla.. riusciremo mai ad andare in gita venerdì???? io finchè non sono sul pullman non ci credo.. che disorganizzazione però! una cosa è sicura che giove andrò dalla mia scimmia  a prenderle quella borsa troppo figa ahhauhauh
ahh uhh dovremo andare all’Ondanomala a supervisionare se va bene per il mio diciottesimo.. deve essere una figata assurda quel postoXD
poi cerchiamo le cose posivite.. mm.. vediamo.. guardare tutti i giorni dalle 14.45 alle 16.15 uomini e donne con la Cry in msn e l’Ali che commenta il giorno dopo, mia sorella che mi ha appena detto che quando avrò abbastanza soldi devo pagarle la ricostruzione di un dente, i pomeriggi con l’intenzione di studiare chimica e poi trovarci a parlare di tutto fuorchè di chimica, la Songi, sentirla in msn e alle 11 di sera dire devo ancora tradurre tutto inglese ma non capisco nulla e alternare una parola tradotta con una chattata in msn, gli spettegules che ho fatto un paio di giorni fa con Gabry.. aiuto io non salgo sulla tua macchina che vuoi far perdere pure a me 10 anni di vita eh! ascoltare la musica perchè è veramente quella che anche nei momenti no mi da la forza e l’energia per reagire (parentesi sono contenta di dedicato a te mi è sempre piaciuta quella canzone) metterla al massimo volume isolarmi dal resto e non pensare a tutti i problemi oppure avere in testa una canzone e cantarla dal mattino alla sera sonando naturalmente oppure quando al mattino sono in casa da sola mettere l’ipod nelle casse e fare colazione alscoltando la musica è questa la vera ragione per cui arrivo sempre tardi al mattino a lambrate scherzo! però è anche uno scherzo che io mentre cammino saltello vero?!.. mi piace soprire che non si finisce mai di trovare nuove amicizie, nuove persone con cui ti trovi ridi scherzi e passi il tempo!
so già che nessuno mai leggere questo che segue anzi io sono la prima a non farlo di nuovo ma ha un significato importante e lo sanno le persone con cui ho deciso di metterla qui.. Ali visto che brava l’ho messa veramente tutta anche se  mi occupa trequarti del blog -.-

 
Grazie agl’inganni tuoi,
al fin respiro, o Nice,
al fin d’un infelice
ebber gli dei pietà:

sento da’ lacci suoi,       5
sento che l’alma è sciolta;
non sogno questa volta,
non sogno libertà.

Mancò l’antico ardore,
e son tranquillo a segno,       10
che in me non trova sdegno
per mascherarsi amor.

Non cangio più colore
quando il tuo nome ascolto;
quando ti miro in volto       15
più non mi batte il cor.

Sogno, ma te non miro
sempre ne’ sogni miei;
mi desto, e tu non sei
il primo mio pensier.       20

Lungi da te m’aggiro
senza bramarti mai;
son teco, e non mi fai
né pena, né piacer.

Di tua beltà ragiono,       25
né intenerir mi sento;
i torti miei rammento,
e non mi so sdegnar.

Confuso più non sono
quando mi vieni appresso;       30
col mio rivale istesso
posso di te parlar.

Volgimi il guardo altero,
parlami in volto umano;
il tuo disprezzo è vano,       35
è vano il tuo favor;

che più l’usato impero
quei labbri in me non hanno;
quegli occhi più non sanno
la via di questo cor.       40

Quel, che or m’alletta, o spiace.
se lieto o mesto or sono,
già non è più tuo dono,
già colpa tua non è:

che senza te mi piace       45
la selva, il colle, il prato;
ogni soggiorno ingrato
m’annoia ancor con te.

Odi, s’io son sincero;
ancor mi sembri bella,       50
ma non mi sembri quella,
che paragon non ha.

E (non t’offenda il vero)
nel tuo leggiadro aspetto
or vedo alcun difetto,       55
che mi parea beltà.

Quando lo stral spezzai,
(confesso il mio rossore)
spezzar m’intesi il core,
mi parve di morir.       60

Ma per uscir di guai,
per non vedersi oppresso,
per racquistar se stesso
tutto si può soffrir.

Nel visco, in cui s’avvenne       65
quell’augellin talora,
lascia le penne ancora,
ma torna in libertà:

poi le perdute penne
in pochi dì rinnova,,       70
cauto divien per prova
né più tradir si fa.

So che non credi estinto
in me l’incendio antico,
perché sì spesso il dico,       75
perché tacer non so:

quel naturale istinto,
Nice, a parlar mi sprona,
per cui ciascun ragiona
de’ rischi che passò.       80

Dopo il crudel cimento
narra i passati sdegni,
di sue ferite i segni
mostra il guerrier così.

Mostra così contento       85
schiavo, che uscì di pena,
la barbara catena,
che strascinava un dì.

Parlo, ma sol parlando
me soddisfar procuro;       90
parlo, ma nulla io curo
che tu mi presti fé

parlo, ma non dimando
se approvi i detti miei,
né se tranquilla sei       95
nel ragionar di me.

Io lascio un’incostante;
tu perdi un cor sincero;
non so di noi primiero
chi s’abbia a consolar.       100

So che un sì fido amante
non troverà più Nice;
che un’altra ingannatrice
è facile a trovar.

 
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Maga Magò sbaglia magia e diventa Maga Maghira

  1. Sonia ha detto:

    eccola la mitica poesia uahauhahumeno male che oggi non miha interrata!!!tonzola ti voglio bene!!!e devi tornare a parlare tt veloce!!!!ahuahauh il tuo mitico raccoglitoreuahauhauhahbaciottolooooooooooooo(L)

  2. Anna_ ha detto:

    Ahaha!!! Non so che dire..Solo che ho letto TUTTO!Anche quella poesia che proprio non ho capitosono parole sconosciute dalla mia menteforse perchè è andata in stand by dopo i compiti xDCOmunquee..il primo pezzo proprio CiAO..poi si capisce..maaa non arriva al cervello >.<E L\’ANNA è RiUSCiTA A CONTAGiUARE LA CUGiNA CON LE "i" MiNUSCOLE :PCONTAGiA iN UNA MANiERA ASSURDA :SBEH DiREi CHE VADO..BACiO TOOCOCCOLA <3TA =)

  3. Luca ha detto:

    A te i pome liberi fnn ml ! ! ! !ma tnt ! ! ! ! ! no ma vrmnt tnt tnt ! ! ! ! !

  4. Alice ha detto:

    COMPLIMENTIIIIIIIIIIIIIIIII!! dai visto che l\’hai trovata? sembra stupida, ma in fondo ha un sacco di significati nascosti! a me piace un sacco il paragone con l\’uccellino che ci lascia le penne ma cmq riesce a liberarsi.. e tu maghira quando riuscirai a liberarti dal vischio?? (vischio non so com\’e\’ ma mi da\’ l\’idea di viscido..sara\’ probabilmente una coincidenza.) Ormai hai perso quasi tutte le piume perche di tempo ne e\’ gia\’ passato tanto, ma fidati che poi ti ricrescono!! e poi anche alla fine..tu non troverai mai nessun\’altra che TI HA VOLUTO BENE come me, ma io trovero\’ tante altre che MI PRENDERANNO IN GIRO come hai fatto tu. eeeeeeeeh gia\’!!maghira maghira maghira..sono contenta di questi ultimi giorni, anche della giornata di oggi..tutte le cazzate, quella specie di bandana -IO STUDIO- che ancora un po\’ ti mangiavi dal nervoso, ingeNIEria si marta si scrive ingeNIEria, la scoperta che siamo davvero tanto ignoranti, le risate mentre facevamo l\’alpha test ma anche al parco nel pomeriggio con manu dopo che tutti erano spariti!secondo me dovresti cercare di pensarci il meno possibile e poi da determinate scelte o parole, non tue, capirai cosa fare o anche cosa aspettarti..basta che non cedi proprio ora, che non ti arrendi a causa della N – – – – – A!!! capi\’??una bacino Maghira..Ti voglio bene❤ e io cmq ci sono sempre ok?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...